Suore Passioniste
Menu
Con Maria credo nel Figlio di Dio

Con Maria credo nel Figlio di Dio

Il giorno 6 agosto 2...

Festa di Maria Addolorata

Festa di Maria Addolorata

La festa di Maria Ad...

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

L'albero della Croce...

Scuola Beata Giovanna

Scuola Beata Giovanna

La comunità educativ...

Atto riparativo

Atto riparativo

Amare i nemici Nel ...

Messaggio di solidarietà alle Suore Missionarie Saveriane

Messaggio di solidarietà alle Suore…

Pubblichiamo il mess...

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino, 100 anni...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

A te, piccola e umil...

Formazione delle Superiore a Casa Madre

Formazione delle Superiore a Casa M…

La formazione delle ...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

Maria, Madre di Cris...

Prev Next
A+ A A-

Novena di Natate - 7° giorno In evidenza

Novena di Natate - 7° giorno

7° giorno:
I PASTORI: LA LODE DEI SEMPLICI

Salmo invitatorio…

INTRODUZIONE
G.: Preghiamo, oggi per i nostri pastori perché illuminati dalla Parola del Signore e sostenuti dalla potenza della sua misericordia guidino nell’integrità della fede e nella purezza della vita il popolo a loro affidato. 
Tutti: Vieni Signore Gesù’, con la tua luce, vieni e non tardar. 
Gesù, i pastori non sono soltanto i primi “abusivi”, “i non aventi diritto”, gli “esclusi”, da Te accolti e considerati. Appartengono anche alla razza delle “creature di movimento” che Tu prediligi.
lo, purtroppo, ho maturato la vocazione del sedentario. Continuo a stare accovacciato accanto al mio focherello, custodendo il gregge delle mie placide abitudini.
Sonnecchio al tepore rassicurante di quello che so, di ciò che ho letto sui libri. Nessuna musica di angeli riesce a svegliarmi, scuotermi, mettermi in piedi. Una vita senza slanci, senza sussulti, niente sorprese. Non amo il movimento.
Gesù, vorrei che il Tuo Natale fosse l’occasione per recuperare il gusto di camminare per “andare a vedere”, come hanno fatto i pastori, con i miei occhi, Qualcosa che può trasformare la mia esistenza. 
(A. PRONZATO, “La novena di Natale davanti al Presepe" )

Dal vangelo secondo Luca (Lc 2,8-12) Nascita di Gesù e visita dei pastori
Simbolo: Il simbolo della nostra riflessione è il bastone 
(mentre si legge il commento si porta il bastone) 
Significato: Per pascolare il gregge, il pastore ha bisogno di un bastone perché quando al tramonto le pecore ritornano all’ovile, egli col suo bastone le tocca ad una ad una per contarle. Cosi anche l’Eterno, il buon pastore, ci tocca col bastone della salvezza e ci fa entrare nell’ovile. Dio con il suo tocco ci prova perché siamo il gregge che Egli ama. L’Eterno, il nostro Pastore, ci accompagna per la via della salvezza; se una pecora si smarrisce la va a cercare per riportarla assieme alle altre. Egli non ci lascia e non ci abbandona mai.

Commento: Quando l'angelo si rivolge ai pastori che montano di guardia alle loro greggi, annuncia loro una novità sorprendente che, raggiungendo proprio loro, da sempre reietti e abbandonati dalla società, trasformerà radicalmente la loro vita come una sorta di rinascita. Essi vivono la certezza che nessuno li ha mai dimenticati o abbandonati a se stessi, e in realtà Qualcuno, da sempre, li predilige e li ama, anche al di sopra degli altri. "Ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi vi è nato nella città di Davide un Salvatore che è il Cristo Signore."(Lc 2, 8). Essi non possono che gioire al suono di quelle parole, perché si rendono conto che il Promesso dai profeti, l'Atteso dalle genti e il Signore universale della storia si mantiene distante dal visitare i palazzi e le case lussuose dei raffinati benpensanti e non si reca presso i dotti sapienti intellettuali, ma raggiunge proprio loro, in una notte come tante, mentre vegliano sul bestiame, senza pretendere da parte loro accorgimenti previ e preparativi di grosso impegno. Il Re della gloria, Signore e Creatore dell'Universo, viene a trovare proprio questi rozzi e semplici uomini facendosi loro pari e anzi mostrando prerogative di abbassamento ancora più profondo del loro. Ama prediligere proprio i pastori e gli allevatori agli imperatori, gli umili e i reietti, gli abbandonati e gli sfiduciati, molto più degli altolocati ricchi e dotti.

Silenzio orante

Preghiamo: Signore tu sei il mio pastore, non temerò alcun male perché tu sei con me; il tuo bastone e la tua verga mi danno consolazione e sicurezza. Dio, tu vegli su di noi e sei sempre pronto a tenerci sotto l’ombra delle tue ali d’amore. Amen.

Torna in alto
Congregazione Passioniste Display Social Media Icons beautifully using CSS3
Congregazione Suore Passioniste
di San Paolo della Croce

Curia Generalizia
Via Don Carlo Gnocchi, 75
00166 ROMA

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per saperne di più.

Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.