Suore Passioniste
Menu
Con Maria credo nel Figlio di Dio

Con Maria credo nel Figlio di Dio

Il giorno 6 agosto 2...

Festa di Maria Addolorata

Festa di Maria Addolorata

La festa di Maria Ad...

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

L'albero della Croce...

Scuola Beata Giovanna

Scuola Beata Giovanna

La comunità educativ...

Atto riparativo

Atto riparativo

Amare i nemici Nel ...

Messaggio di solidarietà alle Suore Missionarie Saveriane

Messaggio di solidarietà alle Suore…

Pubblichiamo il mess...

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino, 100 anni...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

A te, piccola e umil...

Formazione delle Superiore a Casa Madre

Formazione delle Superiore a Casa M…

La formazione delle ...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

Maria, Madre di Cris...

Prev Next
A+ A A-

Novena di Natale - 9° giorno In evidenza

Novena di Natale - 9° giorno

Canto

Meditazione

Non c'è più posto per il Bambino di Betlemme?

 Attorno al Bambino di Betlemme sono accadute cose incredibili e si ripetono fatti impressionanti.

Voglio subito farvi notare alcune reazioni che, umanamente parlando, non sono spiega­bili: questo Bambino nacque povero e fece spaventare i ricchi; questo Bambino nacque umile e fece allarmare i potenti; questo Bam­bino nacque mite e disarmato... eppure sca­tenò l'ira dei violenti. E questo fenomeno si ripete periodicamente. Perché? Qui c'è qual­che cosa che merita di essere approfondito per non perdere il grande messaggio che sta dietro la vicenda di questo Bambino.

Nel Natale dell'anno 2004 — voi certamen­te lo ricordate — alcune insegnanti pensarono di togliere il nome di "Gesù" da una canzone di Natale per sostituirlo con la parola "virtù": il nome di "Gesù" evidentemente dava fastidio. Altre insegnanti pensarono di sostituire la storia vera del Natale di Gesù con la favola di Cappuccetto Rosso: questo gesto è didatticamente inqualificabile, perché mette sullo stesso piano la storia e la favola!

Da tempo, del resto, è in atto una subdola operazione per trasformare il Natale in una festa senza... il Bambino. Mi chiedo: perché c'è tanta paura nei confronti di questo Bambino?

Eppure, proprio da questo Bambino è partita la più grande e benefica trasformazione dell'umanità, da questo Bambino è nata la civiltà dell'amore e del rispetto; mentre, ogni volta che ci si è allontanati da questo Bambino, è riemersa la barbarie del sopruso e del calpestamento della dignità umana.
Card. Angelo Comastri

 

Un pensiero sul Natale di...

santa Teresa di Lisieux'

In quella notte luminosa, che rischiara le delizie della Santa Trinità, il dolce Gesù, pic­colo nato da 'a, cambiò la notte della mia anima in torrenti di luce... In quella flotte in cui egli si fece debole e sofferente per mio amore, mi rese forte e coraggiosa, mi rivestì delle sue armi, e dopo questa notte benedetta non fui più vinta in alcun combattimento, ma al contrario procedevo di vittoria in vittoria, cominciando, per così dire, "una corsa da gigante!"...

In quella notte di luce cominciò il terzo periodo della mia vita, il più bello di tutti, il più ricolmo di grazie celesti. Gesù fece in un istante il lavoro che io non avevo saputo com­piere in dieci anni, accontentandosi della mia buona volontà, che non era mai venuta meno.

A Betlemme, o Giuseppe, o Maria, io vi vedo respinti da tutti; non c'è chi voglia ospitare nella sua locanda dei poveri forestieri... c'è posto solo per i grandi; e la Regina del cielo deve partorire Dio in una stalla. Madre del Salvatore, quanto sei cara! E come ti vedo grande nella povertà del luogo!

Preghiamo

Genitori benedetti del Bambino Gesù

Genitori benedetti del Bambino Gesù, Maria e Giuseppe, con umiltà e fervore vi sup­plico di chiedere per me, alla culla del vostro Figlio, che io possa bramare, come sua disce­pola sincera e fedele, di vivere in vera umil­tà, distaccata dalle creature, in disprezzo del mondo e delle sue vanità, nel ricordo costan­te della santa presenza di Dio, con fervore e fedeltà in tutti i miei doveri e nella pratica della carità più tenera verso ogni persona.

Che io non mi vergogni mai dell'umiltà del presepio, né della povertà e semplicità di Be­tlemme

Che io gioisca sempre della felice sorte che ha fatto di me una figlia della vera Chiesa; che io guardi sempre, con tenera carità e con occhio compassionevole, coloro che vivono soltanto per questo mondo; e che io preghi sempre affınché tutti possano, un giorno, benedire, lodare e amare il Salvatore che viene a riscattarli.

Santa Teresa di Calcutta

Preghiere Finali

Bambino Gesù, Vieni in mio aiuto
(Per chiedere una grazia)     

Bambino Gesù, ricorro a te e ti prego che, per intercessione della tua santa Madre, voglia assistermi in questa mia particolare circostanza (chiedere umilmente la grazia).
È un desiderio sincero e profondo, ma sottomesso in tutto alla santa e vera volontà di Dio.
Spero con fiducia di ottenere questa grazia. Ti amo con tutto il cuore e con tutte le forze dell'anima mia.
Mi pento sinceramente di tutti i miei peccati, e ti supplico, buon Gesù, di darmi la forza per vincere ii male.
Propongo di non offenderti mai più e mi offro disposto a soffrire anziché darti il minimo dispiacere.
'a innanzi voglio servirti con tutta la mia fedeltà e per amor tuo, divino Bambino, amerò i miei fratelli come me stesso.
Pargoletto onnipotente, Signore Gesù, di nuovo ti scongiuro, assistimi in questa circostanza particolare e donami la grazia di possederti eternamente con Maria e Giuseppe, e di adorarti con gli angeli e con i santi nella luce del cielo. Amen.

Padre nostro...Ave Maria...Gloria al Padre...

Cf. Novena al Santo Natale (a cura di Don Giuseppe Brioschi SdB) Ed. Shalom, pp.52-56

Torna in alto
Congregazione Passioniste Display Social Media Icons beautifully using CSS3
Congregazione Suore Passioniste
di San Paolo della Croce

Curia Generalizia
Via Don Carlo Gnocchi, 75
00166 ROMA

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per saperne di più.

Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.