Suore Passioniste
Menu
Con Maria credo nel Figlio di Dio

Con Maria credo nel Figlio di Dio

Il giorno 6 agosto 2...

Festa di Maria Addolorata

Festa di Maria Addolorata

La festa di Maria Ad...

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

L'albero della Croce...

Scuola Beata Giovanna

Scuola Beata Giovanna

La comunità educativ...

Atto riparativo

Atto riparativo

Amare i nemici Nel ...

Messaggio di solidarietà alle Suore Missionarie Saveriane

Messaggio di solidarietà alle Suore…

Pubblichiamo il mess...

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino, 100 anni...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

A te, piccola e umil...

Formazione delle Superiore a Casa Madre

Formazione delle Superiore a Casa M…

La formazione delle ...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

Maria, Madre di Cris...

Prev Next
A+ A A-

Curia Generalizia

Madre Annunziata Innanzi: la donna forte a servizio del Regno…

Madre Annunziata Innanzi: la donna forte a servizio del Regno…

Il 14 agosto ricordiamo la morte di Madre Annunziata Innanzi, la più giovane delle tre missionarie passioniste che furono inviate, giusto 100 anni fa, per la fondazione della Congregazione in Brasile.

Annunziata era nata a Montevarchi, vicino a Firenze, nel 7 dicembre 1882. Quando era ancora bambina perse la mamma; suo padre, funzionario nel Comune della sua città, la affidò alle Suore Passioniste a Signa che da pochi anni avevano aperto una Scuola ed un collegio per le bambine. Qui ricevette una istruzione culturale di ottimo livello e soprattutto una formazione umana e cristiana che l’accompagnò per tutta la vita; frequentò la scuola di Insegnante a Firenze e dalle Suore imparò anche l’arte del ricamo e dei lavori manuali, di cui era molto esperta.

Poco più che adolescente, chiese di entrare a far parte della Congregazione. Nel febbraio del 1905 ricevette l’abito religioso dalle mani di Mons. Fiammetti, che morì solo pochi mesi dopo. Erano ancora i primi anni della Riattivazione, incontrò certamente molti sacrifici, ma anche tanto fervore ed entusiasmo.

Nel 1919 l’obbedienza la chiamò ad un cambiamento radicale. Si legge nell’archivio storico della Comunità Santa Luzia, in San Paolo del Brasile: “Nel 1919 P. Basilio Morganti, uno dei primi missionari italiani in Brasile, fece ritorno in Italia per un periodo di visita e di riposo. In quella circostanza, ricevette dai suoi superiori il compito di parlare con la Madre Generale del tempo, Sr Angelica Michelagnoli, sulla possibilità di una fondazione della Congregazione delle Suore Passioniste in Brasile. Insieme a P. Raffaele Costa cp, egli si recò a Casa Madre. Arrivando nel piazzale antistante l’ingresso della Casa, i due Padri videro una giovane Suora impegnata in un gioco con le bambine interne che erano accolte nell’Istituto. Ella vide l’arrivo dei Padri, ma continuò tranquillamente ad occuparsi delle bambine. I Padri invece notarono la sua abilità con le piccole e iniziarono subito a sognare la possibilità che proprio lei fosse una delle Suore inviate nella fondazione in Brasile e ne parlarono immediatamente con la Madre Angelica. La richiesta trovò pronta accoglienza in Madre Angelica. Su suggerimento dei due Padri, chiamò Sr Annunziata, dicendole con semplicità che gli stessi Padri avevano espresso il desiderio che lei fosse inviata in Brasile; le chiese se accettava. La risposta arrivò pronta: “Si, vado!”

Il 7 novembre dello stesso anno, insieme a Madre Bonaventura e a Sr Agata, approdava a Santos, accolta dai Padri Passionisti…

Madre Annunziata era dotata di molti talenti, che mise tutti a disposizione della fondazione.  Dopo pochi anni fu chiamata ad assumere la responsabilità della fondazione: curò la formazione umana, culturale e spirituale delle Suore; si preoccupò dell’espansione della Congregazione ed affrontò con coraggio difficoltà e sofferenze, sempre amata ed appoggiata dalle Sorelle brasiliane che arrivarono numerose. Alla sua morte, avvenuta il 14 agosto 1975, il Brasile contava già tre Province tra le più fiorenti della Congregazione.

In questo centenario di fondazione in Brasile, la Congregazione la ricorda con affetto e gratitudine.

 

Leggi tutto...

La memoria liturgica della dedicazione della basilica di Santa Maria Maggiore a Roma.

Oggi 5 agosto si celebra la memoria liturgica della dedicazione della basilica di Santa Maria Maggiore a Roma, dove è conservata l’immagine di Maria Salus Populi Romani. Forse non tutti ricordano che questo è uno dei luoghi “sacri” alla Famiglia Passionista. Era l’autunno del 1721. Il giovane Paolo, che già aveva fatto la sua scelta radicale di consacrarsi a Dio e di radunare compagni per annunciare il Vangelo, venne per la prima volta a Roma per incontrare il Papa e chiedere a lui la conferma della nuova fondazione. Dopo un viaggio lungo e faticoso, al palazzo del Quirinale – alloggio del Pontefice in quel tempo – venne respinto bruscamente perché scambiato per un criminale, tanto era povero e miserabile il suo aspetto. Paolo provò una immensa delusione ed un grande senso di fallimento. Uscendo si avvicinò ad una delle tante fontane romane per calmare la sete e mangiare un pane ricevuto in carità la sera prima. Lui stesso raccontava che era affamato e che “avrebbe divorato due pani, se li avesse avuti…”. Gli si avvicinò un povero che gli chiese qualcosa da mangiare e Paolo, che non aveva chiuso il cuore nonostante l’umiliazione subita, condivise con lui il povero pasto. Di seguito si recò alla Basilica di Santa Maria Maggiore per affidarsi alla Madonna venerata nella Cappella Borghese. Racconterà in seguito che lì rivide Maria che gli porgeva l’abito di penitenza e lo invitava a fondare la nuova famiglia religiosa. In quei momenti di fede oscura e di estasi, si sentì ispirato per la prima volta a fare voto di vivere, meditare e promuovere la memoria della Passione di Gesù. In quel momento, nell’invito di Maria e nel cuore di Paolo, nasce la Congregazione della Passione di Gesù. Per questo, in questo giorno, in una memoria liturgica semplice e sobria, noi Passioniste e Passionisti del mondo intero e di ogni vocazione, facciamo memoria e rinnoviamo la risposta alla nostra vocazione.

Leggi tutto...

Fede… Passione di Gesù e avanti!

Fede… Passione di Gesù e avanti!

Il 3 agosto ricordiamo il giorno della morte di Mons. Giuseppe Fiammetti, il Parroco di Signa che la Provvidenza mise sulla strada di Sr Crocifissa Tognoni e Sr Pia Frosali per riattivare la comunità delle Ancille Passioniste, fondata nel 1815 da M. Maddalena Frescobaldi a Firenze in via San Gallo nel 1815. Nel 1866 quella prima comunità venne dispersa, le Suore furono collocate in altri Monasteri mentre Sr Crocifissa e Sr Pia rimasero in attesa dell’Ora di Dio per riattivare la comunità.

Giuseppe Fiammetti nasce nei pressi di Massa Carrara il 25 marzo 1834; a 11 anni entra in Seminario e, diventato sacerdote, viene inviato nella Parrocchia di Signa dove sembra che il clima sia l’unico favorevole alla sua salute piuttosto fragile. È l’anno 1866. Il giorno successivo al suo ingresso come parroco, arrivano a Signa le due Suore dell’antico ritiro, desiderose di ridare vita alla loro comunità, nata per fare memoria della Passione di Gesù e del dolore di Maria e per ricondurre al Cuore di Cristo giovani donne vittime di violenza e sfruttate per la prostituzione.

Nella sua missione di parroco, don Giuseppe aggiunge anche altre attività sociali e caritative e visita spesso il carcere femminile di Montelupo, nei pressi di Firenze; in quel luogo è profondamente toccato nel vedere bambine e adolescenti, che potrebbero essere ancora recuperate, messe a vivere nella stessa cella con donne colpevoli di gravi delitti. Intuisce che questa non è la forma educativa adatta a recuperare e restituire alla vita queste bambine.

Incontra le due ex Ancille, ascolta la loro storia e vede il loro amore per l’educazione delle ragazze, scrive: “Erano venute nel mio popolo due pie e brave donne… che volevano dedicarsi al prossimo e ad essere Suore Passioniste di San Paolo della Croce. Ecco, dissi fra me, le Suore e le bambine adatte per quest’opera di risanamento per tante figlie della sventura e del dolore…”.

Il 14 settembre 1872 presiede la celebrazione in cui riprendono l’abito passionista e ridanno vita alla Comunità, Sr Crocifissa Tognoni, Sr Pia Frosali, Sr Giovanna Baylon, una giovane signese che si sente chiamata a far parte della comunità. Si attiva subito presso il Ministero di Grazia e Giustizia perché le bambine e le adolescenti che sarebbero portate in carcere, siano invece affidate alle cure educative della rinata comunità Passionista.

Mons. Fiammetti diviene così il Padre, l’umile strumento di Dio per aiutare la ripresa delle Suore Passioniste e della loro missione. Le accompagna con la formazione, la direzione spirituale e il consiglio paterno e disinteressato. Sotto la sua direzione, la Congregazione fa i primi passi dentro e fuori Signa e inizia la stabilizzazione giuridica: si devono a lui l’acquisto della Casa di Quercianella e le prime stesure delle Costituzioni…

Nel 1905 viene colpito da una grave malattia che accetta e vive nell’offerta e nella preghiera. Il 3 agosto torna alla Casa del Padre, circondato dalla preghiera e dall’affetto delle Suore e delle amate bambine.

La Congregazione lo ricorderà sempre con eterna gratitudine.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Congregazione Passioniste Display Social Media Icons beautifully using CSS3
Congregazione Suore Passioniste
di San Paolo della Croce

Curia Generalizia
Via Don Carlo Gnocchi, 75
00166 ROMA

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per saperne di più.

Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.