Suore Passioniste
Menu
Con Maria credo nel Figlio di Dio

Con Maria credo nel Figlio di Dio

Il giorno 6 agosto 2...

Festa di Maria Addolorata

Festa di Maria Addolorata

La festa di Maria Ad...

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

L'albero della Croce...

Scuola Beata Giovanna

Scuola Beata Giovanna

La comunità educativ...

Atto riparativo

Atto riparativo

Amare i nemici Nel ...

Messaggio di solidarietà alle Suore Missionarie Saveriane

Messaggio di solidarietà alle Suore…

Pubblichiamo il mess...

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino, 100 anni...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

A te, piccola e umil...

Formazione delle Superiore a Casa Madre

Formazione delle Superiore a Casa M…

La formazione delle ...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

Maria, Madre di Cris...

Prev Next
A+ A A-

Blog&News Passioniste

Fondazione in Mozambico.

 Mancano solo due giorni alla partenza... qui vediamo la comunità al completo con le tre Provinciali del Brasile nella Cappella di Santa Luzia,Casa Madre della Congregazione in Brasile. Tutto è pronto e il 16 ottobre, giorno della partenza, si avvicina sempre di più! La comunità si chiamerà "Comunità Passionista Madre Bonaventura"... emozione, gioia e preghiera. Accompagniamo questi ultimi giorni di preparazione...

 
 
 
 
 
Leggi tutto...

Novena a San Paolo della Croce - 5° giorno

INSEGNARE A MEDITARE

G.  “Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo unico Figlio”! Chiediamo al Signore la grazia dicontemplare la sua Croce oltre che come un segno di dolore e sofferenza, come la manifestazione e la rivelazione dell'amore con cui il Padre ha amato l'umanità.

Canto

Riflessione (Cori alterni)

A. Paolo non disconosce che l'Eucaristia è il Sacramento della Memoria. Tuttavia, egli ha un'ossessione per l'esercizio della "meditazione" come il modo più semplice per il cristiano di interiorizzare, personalizzare e vivere la memoria del Crocifisso.

B. Meditare è entrare in comunione di sentimenti con la stessa interiorità di Gesù. La grande questione di San Paolo della Croce nella meditazione non è tanto il "quanto soffre" ma "cosa sentiva Gesù”.

A. La verità del dolore e sofferenza della Croce è nel cuore stesso di Gesù e nella sua fedeltà all’opera redentrice del Padre.

B. Per Paolo meditare è mettere il nostro cuore in sintonia con il cuore del Gesù della Passione, è lasciarci impressionare dai suoi propri sentimenti.

A. Chiunque ha interiorizzato i sentimenti di Gesù nella sua Passione e i suoi atteggiamenti, potrà facilmente sintonizzarsi con i segni sacramentali del "pane e del vino", "Corpo consegnato" e "sangue versato" nel Sacramento Eucaristico.

TUTTE: La meditazione ci spinge a partecipare all’offerta eucaristica di Gesù. L'Eucaristia ci spinge a identificare i nostri sentimenti con i suoi.

Pausa

Rit. :  La Passione di Gesù e il dolore di Maria siano sempre nei nostri cuori.

Parola di Dio
Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto. (Gv 14,26)
Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. (Gv 16,13)

Pausa

Preghiera (insieme)
Signore Gesù, mandaci lo Spirito Santo, lo Spirito di verità, lo Spirito della memoria, affinché ravvivi in noi questa grata memoria della tua Passione e Morte. Che il tuo Spirito Santo ci conceda il dono del silenzio interiore del nostro spirito, il dono della preghiera e il dono della contemplazione dei tuoi misteri pasquali. Tu che vivi e regni con Dio Padre nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

 

Leggi tutto...

Novena a San Paolo della Croce - 4° giorno

I RISCHI DELLA DIMENTICANZA

G. Gesù nella sua Ultima Cena ci ha lasciato tre mandati: il mandato di servizio agli altri, il mandato dell'amore fraterno e il mandato di fare memoria di Lui. Istituì anche l'Eucaristia come sacramento della "Memoria". "Fate questo in memoria di me".  Per questo la Chiesa è tanto più Chiesa quanto più è unita alle sue radici, al mistero di Gesù. La memoria dell'evento originale della Chiesa, la Morte e Risurrezione di Gesù, è la vita stessa della chiesa.

Canto

Riflessione (Cori alterni)

A. Il secolo XVIII fu il secolo della dimenticanza. Il secolo di una chiesa in cui si intende fare silenzio sulla Croce. L'intuizione originale di San Paolo della Croce fu proprio questa: la dimenticanza che i cristiani hanno dell'amore di Dio rivelato nella morte di Gesù.

B. San Paolo della Croce, sensibile ai segni di Dio nella storia, sentì questa realtà della dimenticanza dei cristiani. Ed è qui che sente la chiamata di Dio per fondare nella Chiesa una Congregazione la cui missione è proprio quella di fare memoria della Passione di Gesù e di annunciarla al popolo di Dio.

TUTTE: Di fronte alla dimenticanza, Paolo fa memoria. Di fronte alla dimenticanza Paolo annuncia la Croce, perché è consapevole che una chiesa che fa memoria dell'amore rivelato sulla Croce, sarà una Chiesa viva e fedele alla sua identità e missione.

Pausa

Rit. :  La Passione di Gesù e il dolore di Maria siano sempre nei nostri cuori.

Parola di Dio (1Cor 11, 23-26)
Io, infatti, ho ricevuto dal Signore quello che a mia volta vi ho trasmesso: il Signore Gesù, nella notte in cui veniva tradito, prese del pane e, dopo aver reso grazie, lo spezzò e disse: “Questo è il mio corpo, che è per voi; fate questo in memoria di me”. Allo stesso modo, dopo aver cenato, prese anche il calice, dicendo: “Questo calice è la nuova alleanza nel mio sangue”. Ogni volta che ne bevete, in memoria di me”. Ogni volta infatti che mangiate questo pane e bevete al calice, voi annunciate la morte del Signore, finché egli venga.

Pausa

Preghiera (insieme)
O Dio che nella Passione e Morte del tuo Figlio Gesù ci hai lasciato una testimonianza viva del tuo amore, ti chiediamo per intercessione di San Paolo della Croce di ravvivare nelle nostre menti e nei nostri cuori la memoria e il grato ricordo della sua Passione. Fa’ che ricordando il suo amore crocifisso rafforziamo la nostra fede, illuminiamo la nostra speranza e ravviviamo il fervore della carità. Per Cristo tuo Figlio che è Dio e vive e regna con te nell’unita dello Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli. Amen.

 

Leggi tutto...

Novena a San Paolo della Croce - 3° giorno

TERZO GIORNO: ESPERIENZA DEL CROCIFISSO

G. Per molti cristiani sembra facile credere in Dio. Però trovano difficoltà per affermare la loro fede in un Dio incarnato.   E ancora peggio, in un Dio crocifisso. È più conveniente per noi credere nel "Dio Onnipotente" che nel "Dio Padre". È più accessibile alla nostra mentalità credere nel "Dio Onnipotente" che in un "Dio-uomo che finisce nella debolezza e nella povertà della Croce".

Canto

Riflessione (Cori alterni)

A. Il  Dio -Trinità, il Dio - Crocifisso non sono il risultato di una ricerca esaustiva, ma di un dono, di una grazia particolare di Dio al  cuore di San Paolo della la Croce. Lui dirà sempre che "Dio glielo ha fatto sentire e sperimentare" o anche "con la conoscenza ispirata da Dio".

B. La Croce diventerà per Paolo il luogo della rivelazione: la rivelazione di Dio come amore e la scoperta dell'uomo come figlio, oggetto del compiacimento di Dio.

A. Il Crocifisso sarà per Paolo della Croce la grande rivelazione di Dio e dell'uomo. Nel Crocifisso lui riconoscerà il Dio dell'amore. E in questo stesso Crocifisso si riconoscerà il vero valore di ogni uomo.

TUTTE: La Croce e il Crocifisso diventeranno per Paolo della Croce una specie di traduzione di Dio e dell'uomo. Saranno come la chiave per trovare Dio e trovare il significato dell'uomo.

Pausa

Rit. :  La Passione di Gesù e il dolore di Maria siano sempre nei nostri cuori.

Parola di Dio (Mt 16, 15-16. 21-23)
 “Ma voi, chi dite che io sia?”. Rispose Simon Pietro: “Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente”.  Da allora Gesù cominciò a spiegare ai suoi discepoli che doveva andare a Gerusalemme e soffrire molto da parte degli anziani, dei capi dei sacerdoti e degli scribi, e venire ucciso e risorgere il terzo giorno. Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo dicendo: «Dio non voglia, Signore; questo non ti accadrà mai”. Ma egli, voltandosi, disse a Pietro: «Va' dietro a me, Satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!”.

Pausa

Preghiera (insieme)
O Dio che hai rivelato a San Paolo della Croce il mistero, il potere, la forza e la saggezza che nascono dalla Croce e trasformasti il suo cuore in un amante del Crocifisso, fa’ che anche noi sappiamo riconoscerti nell'Incarnazione e nella debolezza della Croce. Che ad esempio del tuo apostolo Paolo, possiamo anche noi dire oggi che "non vogliamo sapere altro che Gesù e Gesù Crocifisso". Te lo chiediamo per l'intercessione di San Paolo della Croce. Tu che vivi e regni con Dio Padre nell’unita dello Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Leggi tutto...

Atto riparativo

Cura del creato e degrado ambientale 

“Non dimentichiamo mai che l'ambiente è un bene collettivo, patrimonio di tutta l'umanità e responsabilità di tutti” (Papa Francesco)

Riflessione           
Il risultato di un modello basato sull'ambizione e sul consumismo si manifesta con il deterioramento socio-ambientale del nostro pianeta. Una società dove il successo e la felicità si confondono con il consumo e la soddisfazione personale senza limiti, vengono ignorati gli aspetti etici, spirituali, sociali ed ecologici che richiedono lo sviluppo umano e sostenibile.   

Vogliamo riparare
la nostra mancanza di impegno personale e comunitario per la cura del creato e l'indifferenza dei governi e delle aziende multinazionali di fronte al deterioramento dell'ambiente.

Impegno di vita
Oggi e in questa settimana ci impegniamo a promuovere una maggiore responsabilità per la cura dell'ambiente nelle nostre comunità e a diffondere nei nostri luoghi di servizio e missione una nuova mentalità e nuovi stili di vita per preservare l’ambiente e avere cura del creato.  

Preghiera           
Dio Onnipotente, che sei presente in tutto l'universo e nella più piccola delle tue creature; tu che circondi con la tua tenerezza tutto ciò che esiste, riversa in noi la forza del tuo amore, affinché, possiamo prenderci cura della vita e della bellezza. Inondaci di pace, affinché possiamo vivere come fratelli e sorelle senza fare del male a nessuno.

Leggi tutto...

Novena a San Paolo della Croce - 2° giorno

SECONDO GIORNO: CREDO NELLA CHIESA UNA E SANTA

G. San Paolo della Croce è stato scelto Apostolo della Croce per risvegliare nella Chiesa la grata memoria della Passione e Morte di Gesù. Chiediamo la sua intercessione perché possiamo rafforzare la nostra volontà di essere fedeli alle esigenze del nostro battesimo: essere testimoni della Passione e Morte del Signore davanti agli uomini.

Canto

Riflessione (Cori alterni)

A.  San Paolo della Croce ha vissuto in un secolo difficile per la chiesa. La chiesa del secolo XVIII era attaccata non solo da coloro che non credevano, ma ancora da quei suoi figli che avevano cessato di vederla come madre.

B. Le nuove ideologie hanno cercato di indebolirla nella sua fede, nei suoi dogmi, nella sua morale e, hanno aperto nel suo cuore, ferite dolorose di infedeltà alla fede e al Vangelo.

A. Il secolarismo della vita, la tolleranza morale e l'indifferenza religiosa spesso macchiarono il volto della Chiesa, oscurandola nel Mistero della grazia e della salvezza.

TUTTE: San Paolo della Croce non è stato scandalizzato dalla sua chiesa.  Ma si sentì chiamato da Dio ad essere uno strumento di rinnovamento spirituale della Chiesa.

B. Davanti a una chiesa ferita dal peccato dei suoi figli, sentì nel suo cuore la Chiamata di Dio alla santità, come seme rinnovatore della vita. 

A. Di fronte al raffreddamento della fede, si sentì chiamato a vivere solo nella fede. Di fronte al secolarismo dei cristiani, sentì l'invito alla vita di contemplazione e solitudine.

B.  Di fronte all'ansia di potere nella chiesa, San Paolo della Croce sentì profondamente la chiamata a vivere nella semplicità, nell'umiltà e nella più esigente povertà evangelica.

Pausa

Rit. :  La Passione di Gesù e il dolore di Maria siano sempre nei nostri cuori.

Parola di Dio (Gv  15, 18 -21)
Se il mondo vi odia, sappiate che prima di voi ha odiato me. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; poiché invece non siete del mondo, ma vi ho scelti io dal mondo, per questo il mondo vi odia. Ricordatevi della parola che io vi ho detto: “Un servo non è più grande del suo padrone”. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra. Ma faranno a voi tutto questo a causa del mio nome, perché non conoscono colui che mi ha mandato.

Pausa

Preghiera (insieme)  
Signore Gesù Crocifisso: Tu che a San Paolo della Croce hai fatto sentire così vividamente l'indebolimento spirituale della Chiesa del suo tempo, concedici che come lui, sappiamo amarla così com'è, con le sue debolezze, con le sue cadute e i suoi fallimenti. Fa’ che amiamo così tanto la nostra Madre Chiesa, che ci sentiamo tutte impegnate in una vita di maggiore fedeltà al Vangelo, finché non lasciamo il volto della Chiesa, "senza macchia, senza rughe, santa e immacolata". Te lo chiediamo, per l'intercessione di San Paolo della Croce. Tu che sei Dio e vivi e regni con Dio Padre nell’unita dello Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Leggi tutto...

Novena a San Paolo della Croce - 1° giorno

PRIMO GIORNO: L'ESPERIENZA DI DIO

G. Celebrare San Paolo della Croce è ricordare uno dei santi che aveva come missione, mantenere viva la memoria del Signore Crocifisso/Risorto nella chiesa. Per lui dimenticare questo punto centrale della nostra fede significava l'essenziale dimenticanza del cristiano. D'altra parte, pregare meditando e ricordando l'evento della Passione e Morte di Gesù, era per lui, la via migliore per raggiungere l'esperienza di Dio e quindi il percorso privilegiato per la santità cristiana.

Canto:

Riflessione (Cori alterni)

A. San Paolo della Croce è stato eletto da Dio come Apostolo della Croce, per ricordare nella Chiesa la grata memoria della Passione e Morte di Gesù.

TUTTE: Signore Illumina la nostra mente in modo da scoprire la forza e la sapienza della tua Croce. Accendi nei nostri cuori la fiamma dell'amore del Padre che ci riveli nella Croce.

B.  Non si tratta di conoscere Dio attraverso le idee, ma conoscere per mezzo dell'esperienza personale. La fede è molto più che conoscere le cose di Dio. È sperimentare e sentire Dio come il centro della nostra vita.

A. La fede è molto più di un atteggiamento mentale. È un rapporto personale in cui tutto il nostro essere, il nostro pensiero, i nostri sentimenti, i nostri comportamenti sono Impegnati.

B.  Avere fede significa sentire che Dio è tutto in noi. E che tutta la nostra vita ruota, da allora in poi, intorno a questa esperienza.

TUTTE: La fede, come esperienza personale di incontro con qualcuno, è la luce che illumina tutto, la luce che traccia le nostre strade e condiziona le nostre decisioni.

Pausa

Rit.: La Passione di Gesù e il dolore di Maria siano sempre nei nostri cuori.

Parola di Dio (Fil 3, 7-11)
Ma queste cose, che per me erano guadagni, io le ho considerate una perdita a motivo di Cristo. Anzi, ritengo che tutto sia una perdita a motivo della sublimità della conoscenza di Cristo Gesù, mio Signore. Per lui ho lasciato perdere tutte queste cose e le considero spazzatura, per guadagnare Cristo ed essere trovato in lui, avendo come mia giustizia non quella derivante dalla Legge, ma quella che viene dalla fede in Cristo, la giustizia che viene da Dio, basata sulla fede: perché io possa conoscere lui, la potenza della sua risurrezione, la comunione alle sue sofferenze, facendomi conforme alla sua morte, nella speranza di giungere alla risurrezione dai morti.

Pausa

Preghiera (insieme)
O Dio che ti sei rivelato in modo particolare nella vita di San Paolo della Croce, suscitando in lui un atteggiamento di stupore e di gioiosa ammirazione, degnati di rivelarti oggi anche in ognuno di noi. Che ti scopriamo come il Tutto che dà   senso alla nostra vita. Possiamo sentirti come il Dio davanti al quale dobbiamo spogliare la nostra mente ed il nostro cuore, per essere in atteggiamento di sorpresa e ammirazione. Per Cristo tuo Figlio che è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Leggi tutto...

SR THEREZA GASPARIN

  • Pubblicato in Suore

Il giorno 07 ottobre 2019, la Provincia Cuore Immacolato di Maria (Brasile) annuncia che ha raggiunto la Comunità Passionista del Cielo

SR THEREZA GASPARIN.

Sr Thereza è nata il giorno 28 marzo 1929, ha professato il giorno 17 luglio 1955 ed apparteneva alla Comunità Passionista Nossa Senhora das Dores (Guaraituba).

Leggi tutto...

I domenica dell’ottobre missionario

Celebriamo la I domenica dell’ottobre missionario, dal titolo CHIAMATI.

I nostri genitori ci hanno dato un nome. Dal giorno della nascita ci hanno chiamato così. Anche Dio ci chiama per nome e desidera una relazione personale con noi.
Il nostro nome ci rammenta il giorno del battesimo. Aspergendo l’acqua su di noi, il nostro nome è stato legato a quello di Dio. Siamo stati unti re, sacerdoti e profeti. Abbiamo una dignità regale. Siamo profeti: abbiamo infatti qualcosa di unico da comunicare al mondo. E siamo sacerdoti o sacerdotesse in grado di scoprire i segni di Dio in questo mondo.

Preghiamo perché ogni cristiano possa accogliere la chiamata del Signore a mettersi in gioco e a correre il rischio di affrontare una sfida inedita. Tutti, infatti, siamo portatori di una promessa di bene, di amore e di giustizia non solo per noi stessi, ma anche per i contesti sociali e culturali in cui viviamo, che hanno bisogno di cristiani coraggiosi e di autentici testimoni del Regno di Dio.

Preghiamo: Gesù, Figlio di Dio, in cui dimora la pienezza della divinità, Tu chiami tutti i battezzati a prendere il largo percorrendo la via della santità. Suscita nel nostro cuore il desiderio di essere nel mondo di oggi testimoni della potenza del tuo amore. Per Cristo nostro Signore. Amen.

https://www.missioitalia.it/giornata-missionaria-mondiale-3/

Leggi tutto...

Sr Caterina di Santa Maria Goretti cp

Ringraziamo il Signore per il dono di Sr Caterina di Santa Maria Goretti cp, che in questo giorno, ha pronunciato il suo Sì a Cristo!
Il nostro grazie giunga al Vicario Generale dei Padri Passionisti, P. Ciro Benedettini cp che ha presieduto la celebrazione e ai sacerdoti concelebranti: Don Graziano Pisanu e Don Bernard Bulai.
Un grazie di cuore a tutte le Sorelle della Congregazione che si sono unite a noi per condividere la gioia di un nuovo “Sì” donato al Signore.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Congregazione Passioniste Display Social Media Icons beautifully using CSS3
Congregazione Suore Passioniste
di San Paolo della Croce

Curia Generalizia
Via Don Carlo Gnocchi, 75
00166 ROMA

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per saperne di più.

Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.