Suore Passioniste
Menu
Con Maria credo nel Figlio di Dio

Con Maria credo nel Figlio di Dio

Il giorno 6 agosto 2...

Festa di Maria Addolorata

Festa di Maria Addolorata

La festa di Maria Ad...

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

L'albero della Croce...

Scuola Beata Giovanna

Scuola Beata Giovanna

La comunità educativ...

Atto riparativo

Atto riparativo

Amare i nemici Nel ...

Messaggio di solidarietà alle Suore Missionarie Saveriane

Messaggio di solidarietà alle Suore…

Pubblichiamo il mess...

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino, 100 anni...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

A te, piccola e umil...

Formazione delle Superiore a Casa Madre

Formazione delle Superiore a Casa M…

La formazione delle ...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

Maria, Madre di Cris...

Prev Next
A+ A A-

Blog&News Passioniste

Novena in preparazione alla festa di Maria SS.ma presentata al tempio - 5° giorno

5° giorno: Maria nel "mistero del Tempio"

canto

P.: Sotto l'immagine del 'tempio' si celebra la maternità divina della Beata Vergine Maria e la santità della sua vita. Maria Santissima è chiamata perciò 'santuario', "preparato con arte ineffabile" da Dio per il Figlio suo, singolare 'tempio della gloria' di Dio, per "l'obbedienza della fede (…) nel mistero dell'Incarnazione"; ed è chiamata con altre immagini tratte dalla Sacra Scrittura, il cui significato è pressoché identico a quello del 'tempio'". "Il 'mistero del Tempio' raggiunge il suo compimento (cfr. Gv 2, 19-22) in Gesù Cristo, nel quale "abita corporalmente tutta la pienezza della divinità" (Col 2, 9).
La Beata Vergine è 'tempio santo' a titolo del tutto speciale:
• poiché, portando nel suo grembo immacolato il Verbo fatto Uomo, è diventata il vero tempio del vero Dio;
• poiché ha serbato la Parola di Dio nel suo cuore (cfr. Lc 2, 19.51); così, amando ardentemente Cristo e osservando fedelmente la sua parola, il Figlio e il Padre, secondo la promessa, sono venuti a lei e hanno preso dimora presso di lei (cfr. Gv 14, 23).

Lettura: Da ‘Cultura Mariana’
“Maria nel Tempio: Tutta la sua bellezza e la sua grazia – era ricolma di bellezza nell’anima e nel corpo – erano per il Signore. È questo il contenuto teologico della festa della Presentazione della Madonna. Il tema «Maria tempio di Dio» trova la sua fondazione nel mistero dell’incarnazione del Verbo di Dio, dell’Uomo-Dio che, con la sua morte, ci redime e ci transita alla partecipazione della sua risurrezione e della sua gloria; e il collegamento con l’Eucaristia è dato dal simbolismo antropologico del tempio cristiano, che è il corpo mistico di Cristo; ora Maria con il suo fiat all’angelo dell’Annunciazione diventa il tempio del Verbo incarnato, la prefigurazione del corpo mistico e della Gerusalemme celeste costruita dal e per l’Agnello immolato. Ancora di più: il fiat di Maria contiene, come in una coppa, l’amen di Cristo al Padre; perciò mi sembra si possa dire che Maria si fa in qualche modo Croce per il suo stesso Figlio, come per addolcirne il sacrificio. «Tu gloria di Gerusalemme, tu letizia d’Israele, tu onore del nostro popolo» (Gdt 15, 9), poiché pure Maria è vittoriosa sul peccato e sulla morte, in virtù del Figlio che porta nel grembo; e non solo per sé, ma anche per noi. Senza forzatura possiamo marcare questa riflessione riconoscendo che Maria non è soltanto la figlia di Sion, ma è «la città santa, la nuova Gerusalemme, che scesa dal cielo è pronta come una sposa adorna per il suo sposo» (Ap 21, 2). Per lei si tergerà ogni lacrima dai nostri occhi; ed anche per noi non ci sarà più morte, né lutto, né lamento, né affanno”.

Preghiera:Nel Tempio
Concedici, Signore Iddio, che con spirito puro e con cuore pieno d’ardente amore per le cose del cielo, possiamo entrare nel sacro tempio con rispetto di Dio, sull’esempio della benedetta Maria la quale, in questo giorno quando era ancora bambina, entrò nel Tempio di nostro Padre e dedicò la sua vita a te. Possiamo anche noi, sul suo esempio, offrire la nostra vita a te, al tuo Padre e al tuo Santo Spirito, ora e sempre, e nei secoli dei secoli. Amen".

Leggi tutto...

Novena in preparazione alla festa di Maria SS.ma presentata al tempio - 4° giorno

4° giorno: Maria modello di vita cristiana

canto

P.: Ricordando la Presentazione della Vergine al Tempio, è importante meditare sul legame strettissimo che esiste tra Maria e la Chiesa, quello cioè della sua inestimabile santità. Guardare a Lei vuol dire guardare al modello più fulgido della vita cristiana, che non solo ubbidisce alla Legge, ma diventa punto di riferimento per il nostro camminare nel Tempio del Signore, che è la Chiesa. Lo dice il Concilio: “I fedeli del Cristo si sforzano ancora di crescere nella santità per la vittoria sul peccato; e per questo innalzano gli occhi a Maria, la quale rifulge come modello di virtù davanti a tutta la comunità degli eletti” (LG 65).

Lettura: Dai documenti dei Santi e della Chiesa
“La Madonna - diceva san Francesco di Sales - fa oggi un’offerta quale il Signore la vuole, perché, oltre la sua persona, che sorpassa tutte le altre, fatta eccezione del Figlio suo, offre tutto ciò che è, tutto ciò che ha e questo è quanto Dio chiede” (Opere, t. ix, p. 236). Maria, avendo «trovato grazia agli occhi di Dio» (cf Lc 1,30) è diventata Madre e potente Aiuto dei cristiani. «Anche nella sua opera apostolica la Chiesa giustamente guarda a Colei che generò Cristo, concepito dallo Spirito Santo e nato dalla Vergine, per nascere e crescere anche nel cuore dei fedeli per mezzo della Chiesa» (LG 65). Ogni cristiano, come Maria, «trova grazia» presso Dio nello Spirito Santo, per la mediazione di Cristo e diviene «Arca dell’alleanza nuova» e Tempio del Signore in forza della consacrazione dello Spirito nel Battesimo e nell’Eucaristia.
La Chiesa, fin dai primi tempi, ha venerato la sublime santità di Maria e ha riferito a lei numerosi passi biblici dell’Antico Testamento, là dove Maria è presentata come “dimora della Sapienza in mezzo agli uomini”: in questa prospettiva viene chiamata Sede della Sapienza, perché in lei abita la Sapienza di Dio che è Cristo, e in lei cominciano a manifestarsi le meraviglie di Dio, che lo Spirito compie in Cristo e nella Chiesa. Intesa come Tempio di Dio, Maria è salutata non solo come la Madre dei credenti, Madre della Chiesa, ma anche come la Donna dei tempi nuovi, perché in Lei si realizzano le promesse dei profeti, e, per la sua mediazione, lo Spirito Santo mette in comunione Dio con gli uomini. “In Maria, lo Spirito Santo manifesta il Figlio del Padre divenuto Figlio della Vergine. Ella è il roveto ardente della teofania definitiva: ricolma di Spirito Santo, mostra il Verbo nell’umiltà della sua carne ed è ai poveri e alle primizie dei popoli, che lo fa conoscere” (Catechismo della Chiesa Cattolica n. 724).

Preghiera: Salve, Madre Santa,
Salve, Madre Santa, tu hai dato alla luce il Re,
che governa il cielo e la terra per i secoli in eterno.
Ti consacro, o Regina, la mia mente affinché pensi sempre all’amore
che tu meriti;/ la mia lingua perché ti lodi; /il mio cuore perché ti ami.
Accetta, o Santissima Vergine, l’offerta che ti presenta
questo misero peccatore; accettala ti prego,
per quella consolazione che sentì il tuo cuore
quando nel tempio ti donasti a Dio.
O Madre di misericordia, aiuta con la tua potente intercessione
la mia debolezza;/ impetrandomi dal tuo Gesù
la perseveranza e la forza per esserti fedele sino alla morte,
affinché, sempre servendoti in questa vita,
possa venire a lodarti in eterno nel Paradiso. Amen

Leggi tutto...

Novena in preparazione alla festa di Maria SS.ma presentata al tempio - 3° giorno

3° giorno: Il Signore ha magnificato il tuo nome in tutte le generazioni

canto

P.: La memoria liturgica della Presentazione di Maria al Tempio trova la sua radice e il suo fondamento nella tradizione ebraica e nel fatto che, come tutti gli Ebrei osservanti, anche Gioachino e Anna, genitori della Vergine, come più tardi farà la stessa Madre di Gesù, hanno portato al Tempio Maria Bambina, per offrirla al Signore, facendo dono di due tortore o di due colombi.
La festa vuole ricordare anche tutto il periodo che va dalla natività sino al fidanzamento con Giuseppe e all’annunciazione. Nel celebrarla la Chiesa intende illuminare il silenzio che grava sul primo periodo della vita di Maria e presentarlo come tempo della sua preparazione alla sublime vocazione di Madre di Dio.
L’apocrifo Protovangelo di Giacomo (risalente al III secolo) ne parla così: «Tutte le fanciulle della città prendono le fiaccole ed un lungo corteo luminoso accompagna la bambina su in alto, “nel tempio del Signore”. Qui il sacerdote l’accoglie dicendo: “Il Signore ha magnificato il tuo nome in tutte le generazioni: in te, nell’ultimo dei giorni, Egli manifesterà la sua redenzione ai figli di Israele... Maria stava nel tempio del Signore come una colomba allevata, e riceveva il cibo per mano di un angelo». Ma al di là della poesia, quello che conta è il fatto che quella Bambina era destinata a divenire la Dimora ove il Figlio di Dio e lo Spirito Santo vennero ad abitare in mezzo agli uomini; come tale la Presentazione è il simbolo di una verità più alta: quella della totale consacrazione a Dio fin dai primi istanti della sua esistenza.

Lettura: Dal libro del profeta Zaccaria

Rallegrati, esulta, figlia di Sion,
perché, ecco, io vengo ad abitare in mezzo a te.
Oracolo del Signore.
Nazioni numerose aderiranno in quel giorno al Signore
e diverranno suo popolo,
ed egli dimorerà in mezzo a te
e tu saprai che il Signore degli eserciti
mi ha inviato a te.
Il Signore si terrà Giuda
come eredità nella terra santa
ed eleggerà di nuovo Gerusalemme.
Taccia ogni mortale davanti al Signore,
poiché egli si è destato dalla sua santa dimora. Parola di Dio…

Preghiera:
Padre santo, secondo la tradizione, Maria consacrò la sua giovane vita al tuo servizio nel tempio. Fa’ che quanti sono stati consacrati a Dio dal Battesimo, comprendano la missione loro affidata e vivano realmente per la tua maggior gloria. - Padre nostro, Ave Maria, Gloria al Padre
Maria, per la tua santa Presentazione, salvaci!

Padre santo, cui Maria, tempio e tabernacolo del Verbo incarnato, per prima ha presentato il vero culto, in spirito e verità, fa’ che quanti, nella Chiesa, scelgono la via della consacrazione al Signore, siano sempre fedeli alla loro vocazione. - Padre nostro, Ave Maria, Gloria al Padre
Maria, per la tua santa Presentazione, salvaci!

Padre santo, cui Maria sul Calvario, ha presentato se stessa unitamente al suo unico Figlio Gesù, vittima a te gradita, fa’ che quanti partecipano al santo Sacrificio dell’altare, rivivano il mistero della Croce, offrendoti se stessi insieme a Gesù e Maria. - Padre nostro, Ave Maria, Gloria al Padre
Maria, per la tua santa Presentazione, salvaci!

Leggi tutto...

Novena in preparazione alla festa di Maria SS.ma presentata al tempio - 2° giorno

2° Giorno: Maria, dimora della Sapienza fra gli uomini

canto

P.: La Chiesa, fin dai primi tempi, ha venerato la sublime santità di Maria e ha riferito a lei numerosi passi biblici dell’Antico Testamento, là dove Maria è presentata come “dimora della Sapienza in mezzo agli uomini”: in questa prospettiva viene chiamata Sede della Sapienza, perché in lei abita la Sapienza di Dio che è Cristo, e in lei cominciano a manifestarsi le meraviglie di Dio, che lo Spirito compie in Cristo e nella Chiesa. Intesa come Tempio di Dio, Maria è salutata non solo come la Madre dei credenti, ma anche come la Donna dei tempi nuovi, perché in Lei si realizzano le promesse dei profeti, e, per la sua mediazione, lo Spirito Santo mette in comunione Dio con gli uomini.
“In Maria, lo Spirito Santo manifesta il Figlio del Padre divenuto Figlio della Vergine. Ella è il roveto ardente della teofania definitiva: ricolma di Spirito Santo, mostra il Verbo nell’umiltà della sua carne ed è ai poveri e alle primizie dei popoli, che lo fa conoscere” (Catechismo della Chiesa Cattolica n. 72).

Lettura: Dai «Discorsi» di sant’Agostino, (Disc. 25, 7-8, II parte)

“Mentre il Signore passava, seguito dalle folle, e compiva i suoi divini miracoli, una donna esclamò: «Beato il grembo che ti ha portato!» (Lc 11, 27). Felice il grembo che ti ha portato! E perché la felicità non fosse cercata nella carne, che cosa rispose il Signore? «Beati piuttosto coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano!» (Lc 11,28). Anche Maria proprio per questo è beata, perché ha ascoltato la parola di Dio e l’ha osservata. Ha custodito infatti più la verità nella sua mente, che la carne nel suo grembo. Cristo è verità, Cristo è carne; Cristo è verità nella mente di Maria, Cristo è carne nel grembo di Maria. Conta di più ciò che è nella mente di ciò che è portato nel grembo.
Carissimi, badate bene: anche voi siete membra di Cristo, anche voi siete corpo di Cristo. Osservate in che modo lo siete, perché egli dice: «Ecco mia madre, ed ecco i miei fratelli» (Mt 12,49). Come potrete essere madre di Cristo? Chiunque ascolta e «chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, questi è per me fratello, sorella e madre» (Mt 12,50)”.

Maria tempio di Dio
Le vergini, portando lampade e scortando in giubilo la Sempre Vergine, annunciano in spirito il futuro: la Madre di Dio infatti, essendo tempio di Dio, viene introdotta nel tempio in tenera età, con gloria verginale.
Essendo frutto illustre di santa promessa, la madre di Dio si è dimostrata al mondo veramente come la più eccelsa di tutte le creature. Condotta con pietà nella casa di Dio, ella compie la promessa dei genitori e viene affidata alle cure dello Spirito Santo.
O Vergine, che ti sei nutrita con fede del pane celeste nel tempio del Signore, tu hai partorito per il mondo il Verbo, pane di vita, tramite il quale come tempio scelto e immacolato tu sei stata misticamente promessa allo Spirito Santo dopo essere stata sposata a Dio Padre.
Possa aprirsi la porta del tempio in cui abita Dio! (Liturgia bizantina)

Leggi tutto...

Novena in preparazione alla festa di Maria SS.ma presentata al tempio - 1° giorno

1° Giorno: Maria ha trovato grazia presso Dio (cf Lc 1,30) 

canto

P.: Per gli orientali la Theotòkos (Madre di Dio) è il vero tempio in cui Dio, respinto il culto antico, ha posto la sua salvezza; per gli occidentali (accolta la «tradizione» del Protoevangelo di Giacomo del III secolo) Maria è una fanciulla docile e speciale che realizza una «consacrazione» esemplare a Dio.
Il nuovo calendario, conservando questa memoria, ha inteso additare in Maria una figura completa che ci aiuta ad esaltare Dio per la sua meravigliosa opera di salvezza.
Maria, avendo «trovato grazia agli occhi di Dio» (cf Lc 1,30) è diventata Madre e potente Aiuto dei cristiani. «Anche nella sua opera apostolica la Chiesa giustamente guarda a Colei che generò Cristo, concepito dallo Spirito Santo e nato dalla Vergine, per nascere e crescere anche nel cuore dei fedeli per mezzo della Chiesa» (LG 65). Ogni cristiano, come Maria, «trova grazia» presso Dio nello Spirito Santo, per la mediazione di Cristo e diviene «Arca dell’alleanza nuova» e Tempio del Signore in forza della consacrazione dello Spirito nel Battesimo e nell’Eucaristia.

Lettura: Dai «Discorsi» di sant’Agostino, (Disc. 25, 7-8, I parte)

“Fate attenzione, vi prego, a quello che disse il Signore Gesù Cristo, stendendo la mano verso i suoi discepoli: «Ecco mia madre ed ecco i miei fratelli; perché chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, questi è per me fratello, sorella e madre» (Mt 12, 49-50). Forse che non ha fatto la volontà del Padre la Vergine Maria, la quale credette in virtù della fede, concepì in virtù della fede, fu scelta come colei dalla quale doveva nascere la nostra salvezza tra gli uomini, fu creata da Cristo, prima che Cristo in lei fosse creato?
Ha fatto, sì, certamente ha fatto la volontà del Padre Maria santissima, e perciò conta di più per Maria essere stata discepola di Cristo, che essere stata madre di Cristo. Lo ripetiamo: fu per lei maggiore dignità e maggiore felicità essere stata discepola di Cristo che esser stata madre di Cristo.
Perciò Maria era beata, perché, anche prima di dare alla luce il Maestro, lo portò nel suo grembo”.

Preghiera:Salve, Madre Santa
Salve, Madre Santa, tu hai dato alla luce il Re,
che governa il cielo e la terra per i secoli in eterno.
Tu sei beata perché hai creduto.
Trinità Santissima, noi ti lodiamo, ti benediciamo, ti glorifichiamo,
nella memoria della beata sempre Vergine Maria.
Per opera dello Spirito Santo, ha concepito il tuo unico Figlio;
e sempre intatta nella sua gloria verginale,
ha irradiato sul mondo la luce eterna, Gesù Cristo nostro Signore.
Guarda, Signore, il tuo popolo riunito nel ricordo della beata Vergine Maria; fa' che per sua intercessione partecipi
alla pienezza della tua grazia. Amen

Leggi tutto...

Lodiamo il Signore per il dono della tua vita, amata fondatrice!

Oggi facciamo memoria dell nascita della nostra fondatrice, Maria Maddalena Frescobaldi... Unite dai cinque Continenti in cui siamo presenti, desideriamo esprimere il nostro grazie al Signore per il dono della sua vita e per la grazia dello Spirito che l'ha condotta sulle strade del mondo con il carisma di trasmettere l'amore alla Passione di Gesù, miracolo di misericordia del Padre. Alla sua intercessione affidiamo il presente e il futuro della Congregazione.

Alcuni cenni biografici.
M. Maddalena Frescobaldi, nasce a Firenze l'11 novembre 1771. Donna laica, sposa e madre di famiglia ha saputo coniugare in maniera eccezionale i suoi impegni sociali e familiari con quelli relativi alla fondazione di una comunità dove ex-prostitute e giovani di buona famiglia condividevano la vita nel segno dell'unica misericordia che le aveva salvate. Un progetto profetico a servizio della Chiesa e della società che testimonia ieri come oggi, la possibilità di vivere e annunciare la solidarietà e la comunione senza barriere e pregiudizi di razza, di esperienze e di culture.

Leggi tutto...

Maria Maddalena Frescobaldi...

Oggi facciamo memoria dell nascita della nostra fondatrice, Maria Maddalena Frescobaldi... Unite dai cinque Continenti in cui siamo presenti, desideriamo esprimere il nostro grazie al Signore per il dono della sua vita e per la grazia dello Spirito che l'ha condotta sulle strade del mondo con il carisma di trasmettere l'amore alla Passione di Gesù, miracolo di misericordia del Padre. Alla sua intercessione affidiamo il presente e il futuro della Congregazione.

Alcuni cenni biografici.
M. Maddalena Frescobaldi, nasce a Firenze l'11 novembre 1771. Donna laica, sposa e madre di famiglia ha saputo coniugare in maniera eccezionale i suoi impegni sociali e familiari con quelli relativi alla fondazione di una comunità dove ex-prostitute e giovani di buona famiglia condividevano la vita nel segno dell'unica misericordia che le aveva salvate. Un progetto profetico a servizio della Chiesa e della società che testimonia ieri come oggi, la possibilità di vivere e annunciare la solidarietà e la comunione senza barriere e pregiudizi di razza, di esperienze e di culture.

Leggi tutto...

Il Crocifisso appartenuto a Sr Crocifissa Lovato

Il Crocifisso appartenuto a Sr Crocifissa Lovato, la prima Suora Passionista brasiliana.
P. Daniel Lovato, sacerdote cappuccino, fratello di Sr Anilda e Sr Crocifissa Lovato e nipote della prima Sr Crocifissa, conservava questo ricordo della zia. Nella ricorrenza del giubileo di 100 anni di fondazione, ha fatto dono di questo ricordo carissimo, prezioso per noi. Grazie P. Daniel!
Leggi tutto...

GIUBILEO DI 100 ANNI DI PRESENZA IN BRASILE

GIUBILEO DI 100 ANNI DI PRESENZA IN BRASILE
1919 - 7 novembre - 2019
Il 7 novembre ricorre l’anniversario dell’arrivo in Brasile delle prime tre Sorelle dall’Italia: Sr Bonaventura Sabani, Sr Agata Lopai e Sr Annunziata Innanzi, la prima fuori dal territorio nazionale. Tutta la Congregazione celebra questa data come un dono e ringrazia per la storia di misericordia che il Signore ha costruito.
Siamo grate per l’audacia e la fedeltà di tutte le Sorelle che hanno costruito la realtà brasiliana, per lo sviluppo della missione che ieri come oggi si pone a servizio dei più poveri, dei bambini e dei giovani, delle donne in difficoltà, delle famiglie, degli anziani abbandonati…
Vogliamo rendere grazie per la fioritura di santità tra cui emerge la Ven. Sr Antonietta Farani, la Suora del perdono e dell’Ave Maria, Passionista caratterizzata da profonda mistica e audace azione missionaria, e per le tante Sorelle che nella santità nascosta, fatta di donazione silenziosa e generosa, sono state pietre di fondazione in questo cammino.
E tra i motivi profondi di gratitudine, possiamo ora indicare anche l’opera segno, il frutto visibile di questi 100 anni: la fondazione in Mozambico, nella Diocesi di Pemba, nata dalla collaborazione delle tre Province brasiliane con la giovane Delegazione Nostra Signora d’Africa.
Auguri Sorelle del Brasile! Auguri a noi tutte per quanto ci è stato donato con questa storia!

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Congregazione Passioniste Display Social Media Icons beautifully using CSS3
Congregazione Suore Passioniste
di San Paolo della Croce

Curia Generalizia
Via Don Carlo Gnocchi, 75
00166 ROMA

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per saperne di più.

Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.