Suore Passioniste
Menu
Con Maria credo nel Figlio di Dio

Con Maria credo nel Figlio di Dio

Il giorno 6 agosto 2...

Festa di Maria Addolorata

Festa di Maria Addolorata

La festa di Maria Ad...

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

L'albero della Croce...

Scuola Beata Giovanna

Scuola Beata Giovanna

La comunità educativ...

Atto riparativo

Atto riparativo

Amare i nemici Nel ...

Messaggio di solidarietà alle Suore Missionarie Saveriane

Messaggio di solidarietà alle Suore…

Pubblichiamo il mess...

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino, 100 anni...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

A te, piccola e umil...

Formazione delle Superiore a Casa Madre

Formazione delle Superiore a Casa M…

La formazione delle ...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

Maria, Madre di Cris...

Prev Next
A+ A A-

Blog&News Passioniste

Novena alla Vergine Addolorata, settembre 2020 (day 8 – 13 settembre)

Novena alla Vergine Addolorata, settembre 2020 (day 8 – 13 settembre)

+ O DIO VIENI A SALVARMI…
Intenzioni del giorno, secondo il Calendario della Congregazione e delle sorelle defunte

P.: (insieme) Ti veneriamo Maria, madre, maestra, guida e regina della Nostra Congregazione nel ricordo degli eventi della tua vita. Nell’essere scelta come Madre del Figlio di Dio, hai ricevuto tutti i doni e le grazie necessarie per adempiere questa missione. Celebrando le tue glorie lodiamo Dio per il suo inestimabile amore verso di noi manifestatosi nell’opera della Redenzione, nella quale come Madre sollecita e addolorata hai profuso la tua maternità misericordiosa.

- Di te si dicono…

Al posto dell’Angelus tradizionale si propone il seguente secondo i giorni del Rosario
•Gli apostoli ritornarono a Gerusalemme; e salirono alla stanza alta ove abitavano.
•Erano assidui nella preghiera con Maria la Madre di Gesù. Ave…
•Tutti erano assidui nel frequentare il tempio e spezzavano il pane prendendo i pasti con letizia e semplicità di cuore...
•Con Maria, la Madre di Gesù. Ave…
•Nel cielo apparve poi un segno grandioso.
•Una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul suo capo una corona di dodici stelle. Ave…

P.: CON MARIA ADDOLORATA, REGINA DELLA FAMIGLIA PASSIONISTA, MADRE, MAESTRA E GUIDA DELLA NOSTRA CONGREGAZIONE, OFFRIAMO ALLA TRINITÀ LA NOSTRA GIORNATA:

Mio Dio, trinità santissima, mi unisco alla lode perenne di tutto il creato per adorarti, amarti ringraziarti. Senza di te sono nulla, ma poiché mi chiami a partecipare al mistero della Redenzione, ti offro nelle piaghe di Gesù tutte le azioni, i pensieri, le gioie, le sofferenze di questo giorno come atti di riparazione per i peccati del mondo. Con Maria ai piedi della Croce voglio dirti il mio “SI” per vivere “oggi” la Passione di Gesù e con lui ottenere la salvezza di tutti gli uomini. – (si continua…)
Trinità santa, tu che hai illuminato il nostro Padre Paolo della Croce nel riconoscere, vivere e annunciare il carisma della Passione, tramite l’intercessione di Maria, Madre rivestita a lutto per la morte del suo figlio, continua a farci dono della sua presenza materna.
Padre Santo, aiutaci a leggere, come te, gli appelli che Maria, Madre Addolorata, ci rivolge nell’oggi della storia. Aiutaci a leggere i “segni” del divino nelle sue lacrime. Donaci il coraggio di rispondere con la vita al suo invito alla conversione, alla preghiera, alla testimonianza e ad essere memorie grate e credibili dell’amore Crocifisso per la salvezza dell’umanità.

OTTAVO GIORNO: Oggi incontriamo Maria invocata con il titolo di Nostra Signora del Rosario di Manaoag, la città filippina che ha preso il nome dall’evento stesso. Manaoag significa “colei che chiama”. Maria ci chiama!


LA STORIA: Documenti risalenti al 1610 attestano che un contadino che stava camminando verso casa, sentì una misteriosa voce femminile che lo chiamava. Si guardò intorno e vide sulla cima di un albero, coperta di nuvole, un'apparizione della Vergine Maria, con un rosario nella mano destra e il Bambino Gesù nel braccio sinistro.
Maria indicò al contadino il luogo dove voleva fosse costruita una cappella che in seguito divenne il nucleo della città attuale. Anni dopo, le tribù montane animiste bruciarono i villaggi appena cristianizzati, mandando la gente in fuga verso la chiesa con il tetto di paglia. Il capo scavalcò la recinzione e scagliò frecce infuocate, ma l'edificio miracolosamente non prese fuoco e la statua della Vergine scampò alla distruzione. Fu infatti trovata abbandonata in fondo alla chiesa.
La tradizione vuole che la città stessa sia nata dal richiamo della Vergine. Il termine "mantaoag" che significa "chiamare" è stato usato per dare il nome alla città.
Da qui deriva il nome Manaoag, che significa "Lei chiama".

P.: “Lei chiama”. Maria chiama. Come il Figlio continua a chiamare i pastori del suo gregge, i seminatori del suo campo, i testimoni della fede, così Maria continua a chiamare con Gesù ciascuno di noi. Maria chiama. Questo appellativo mariano ci ricorda che Maria è la madre della chiamata e di tutti i chiamati. Anche le apparizioni che hanno attraversato i secoli, sono un modo attraverso il quale Maria continua oggi a chiamare i suoi figli alla fede, alla speranza e alla carità, alla fedeltà al suo Figlio: “FATE QUELLO CHE EGLI VI DIRÀ”. Oggi vogliamo ricordare in maniera speciale la chiamata di Dio nella nostra storia personale e congregazionale.
Vogliamo ringraziare la Trinità, per mezzo di Maria, per la chiamata alla Vita, la chiamata battesimale e alla vita consacrata e le chiamate che in ogni istante Dio rivolge per essere “viva memoria” del mistero pasquale” nell’oggi.
Con Maria, la madre che chiama, ringraziamo il Signore per il dono della Congregazione, per i frutti di santità maturati nei solchi della storia e per le sfide che la stessa storia ci pone per invitarci a costruire edifici che non cadono perché ancorati alla pietra viva che è il Cristo Crocifisso e Risorto.

FATE QUELLO CHE EGLI VI DIRÀ
Luca, 1, 27-38
Al sesto mese, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te». A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

Silenzio orante - Meditiamo personalmente:
-Come dispongo la docilità del cuore per ascoltare la chiamata del Signore e mettere in pratica la sua volontà nella vita quotidiana?
-Come vivo la pace e la serenità del cuore in mezzo alle tribolazioni e alle sfide della vita in unione con la sofferenza di Gesù Crocifisso e ai dolori di Maria Addolorata.
-Come vivo lo spirito di inculturazione, il rispetto verso altre culture?
-Come concretizzo le virtù passiologiche sull’esempio della Vergine Maria?

P.: Sorelle, ringraziamo la Trinità per il dono di Maria, la Madre che continua a chiamare i suoi figli al bene e alla pienezza della vita ottenuta da Cristo con il suo sangue. Ci uniamo al cuore addolorato della Madre nostra e invochiamola: Madre nostra, continua a chiamare i tuoi figli!

-Chiedi al Padrone della messe il dono di vocazioni generose e fedeli…
-Conserva nella fedeltà la nostra chiamata…
-Aiutaci a scegliere sempre la parte migliore…
-Conferma in noi la scelta del primo amore…
-Fa’ di noi delle testimoni credibili della Memoria Passionis…
-Sostieni le nostre suore anziane e malate…
-Rendi le nostre comunità segni del Regno e “luoghi di carità e di servizio”…
-Donaci audacia missionaria…
-Rendici un prolungamento della tua presenza materna e misericordiosa…

PREGHIAMO:
-Maria, nostra Signora del Rosario, Tu sei l'arca di Noè, la nostra salvezza nel diluvio del peccato. Tu sei l'arcobaleno della pace, la nostra riconciliazione con Dio. Tu sei la colomba che ci porta il ramo d'ulivo della pace.
-Facci diventare strumenti della pace di Dio per seminare amore e perdono dove regnano odio e ferite, per portare fede, speranza e gioia a chi è nel dubbio e nella disperazione.
-Aiutaci a non cercare di essere consolati, ma di consolare, non di cercare di essere compresi, ma di capire. Aiutaci a diffondere il profumo della bontà e della misericordia di Dio affinché l'amore e la pace di Tuo Figlio Gesù regnino nei cuori degli uomini.
-Prendici sotto la tua guida, aiutaci a imitare le tue virtù; aiutaci ad essere pronti e generosi nella nostra risposta all'ispirazione di Dio.
-Insegnaci a essere disinteressati nel servizio di Cristo, Tuo Figlio, a perdonare senza contare il costo, a lottare senza contare le ferite, a lavorare senza cercare il riposo, a passare la vita senza aspettarmi altro ritorno se non la felicità di fare la volontà di Dio e di seguire le orme di Cristo, il nostro Salvatore.

CANTO: ANG PUSO KO’Y NAGPUPURI

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Congregazione Passioniste Display Social Media Icons beautifully using CSS3
Congregazione Suore Passioniste
di San Paolo della Croce

Curia Generalizia
Via Don Carlo Gnocchi, 75
00166 ROMA

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per saperne di più.

Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.