Suore Passioniste
Menu
Con Maria credo nel Figlio di Dio

Con Maria credo nel Figlio di Dio

Il giorno 6 agosto 2...

Festa di Maria Addolorata

Festa di Maria Addolorata

La festa di Maria Ad...

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

L'albero della Croce...

Scuola Beata Giovanna

Scuola Beata Giovanna

La comunità educativ...

Atto riparativo

Atto riparativo

Amare i nemici Nel ...

Messaggio di solidarietà alle Suore Missionarie Saveriane

Messaggio di solidarietà alle Suore…

Pubblichiamo il mess...

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino, 100 anni...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

A te, piccola e umil...

Formazione delle Superiore a Casa Madre

Formazione delle Superiore a Casa M…

La formazione delle ...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

Maria, Madre di Cris...

Prev Next
A+ A A-
Congregazione Passioniste

Congregazione Passioniste

URL del sito web:

Atto riparativo

“Pietà di me o Dio secondo la tua misericordia”.

Signore, Padre di misericordia, il cui unico figlio Gesù ha preso su di sé i nostri peccati, purificandoci da ogni male nel supplizio della sua passione, morte e risurrezione, ascoltaci ed accogli questo nostro grido di aiuto.

Tutti noi siamo intimoriti e disorientati di fronte alla malvagità dell’uomo, generatrice di una profonda e lacerante sofferenza nei popoli, nelle famiglie, nelle persone sole e indifese: bambini-anziani-malati in ogni parte del mondo.

Alla luce della nostra storia riconosciamo i nostri peccati, le nostre fragilità origine e causa di questa immane sofferenza e vogliamo riparare tutti gli atti di violenza verbale fisica, morale, intellettuale…

Abbiamo bisogno di te, Signore, e ti chiediamo: vigila su tutti noi, mantieni salda la nostra fede, accesa la nostra lampada, operosa la nostra carità, affinché il bene trionfi sul male e la tua pace dimori e regni nei nostri cuori e in tutto il mondo.

Signore da chi andremo? Tu solo hai parole di vita eterna. Tu solo sei la via, la verità, la vita.

La bioetica interpella la vita consacrata e la sua missione.

La bioetica interpella la vita consacrata e la sua missione.

Curia Generalizia, Roma. Si svolgerà nei giorni 22-24 marzo la seconda parte del Corso di bioetica organizzato dagli Organismi d’Europa in collaborazione con la Comunità della Curia Generale. Si attendono circa 90 Sorelle dall’Italia e dalla Polonia che rifletteranno su temi che ci interpellano come cristiane e come educatrici Passioniste.

27° anniversario della morte di Sr Carmelina Tarantino

Ricorre oggi il 27esimo anniversario della morte di Sr Carmelina Tarantino, una delle nostre Sorelle di cui è in corso il processo di beatificazione. Riportiamo qui alcuni tratti della sua vita, caratterizzata da una profonda partecipazione alla Passione del Signore.

La vita di questa giovane immigrata napoletana poteva essere vissuta come una tragedia. Partita con altri fratelli e sorelle per il Canada in cerca di una vita migliore vede crollare i suoi sogni a causa di una malattia che per lunghi anni le devasta il corpo ma non lo spirito. Anche se confinata in un ospedale di Toronto riesce a coronare il suo sogno: essere religiosa. Dal suo letto di dolore, diventato la sua cattedra, visse la missione di portare gioia e serenità a tante persone smarrite e sfiduciate.

La storia di Sr Carmelina Tarantino, figlia di Saverio Tarantino e Annunziata Fiore, è quella di una giovane emigrante veramente singolare. La si vede ritratta sul letto: la sua cattedra, con i capelli sciolti sulle spalle, il Crocifisso tra le mani e l’abito da passionista. Figlia di una numerosa famiglia di Liveri di Nola, vicino Napoli, emigrata in Canada nel 1964. Una nostra contemporanea che ha conosciuto le fatiche del distacco dalla patria e l’insicurezza del futuro.

I Tarantino: una di quelle famiglie che non ci sono più: 11 figli, tante bocche da sfamare e poco lavoro. Verso gli anni 50 – 60, alla vigilia del boom economico italiano alcuni fratelli decidono di emigrare. La meta è il Canada. Carmelina li vede partire ad uno ad uno e finalmente nel 1961 tocca anche a lei. E’ una bella ragazza, di senso pratico, allegra, scherzosa, matura e indipendente. Le fatiche della vita l’hanno irrobustita. Ha fame di preghiera e di valori spirituali. Dio è per lei una presenza viva e il suo mistero un’attrazione più forte delle altre. Ama i poveri.
E’ una bella ragazza e molti giovani la corteggiano ma Carmelina non si sente attirata dal matrimonio. Attende il segno di Dio. Questo arriva: essa emigra in Canada dove stanno lavorando altri fratelli e sorelle. 
Nel 1960 aveva incominciato ad accusare dolori e un persistente mal di testa, malesseri vari, tra i quali l’impossibilità di dormire la notte. I familiari sono allarmati. Carmelina è molto amata e si preoccupano per lei. Comincia allora un lungo pellegrinare da un medico all’altro e i pareri sono contraddittori. Nessuno riesce a diagnosticare il suo male. I fratelli allora decidono di condurla con loro in Canada per cambiare aria e cercare la causa del suo malessere. Un viaggio senza ritorno. 
Carmelina arriva in Canada, la terra dei trecentomila laghi, il 4 luglio 1964. Dopo lunghe ed estenuanti ricerche finalmente la sentenza: cancro. Le viene amputata una gamba. Mentre il fisico si consuma lei nutre ed esprime il desiderio di essere religiosa
Ma, chi accetta una malata? Tutti la sconsigliano anche perché l’amputazione ha risolto un problema ma ne ha aperto altri. In Italia i suoi genitori moriranno senza conoscere la tragedia della figlia il cui luogo abituale è ormai l’ospedale.
Ma da questo ospedale Carmelina incomincia ad attrarre tante persone colpite dalla sua fede, dalla sua gioia di vivere, dal suo amore per Gesù. 
E Gesù Crocifisso che la sta plasmando a sua immagine le fa un dono: essere religiosa. Per vie che solo la Provvidenza dispone le fa conoscere e incontrare le Suore Passioniste di S. Paolo della Croce che l’accolgono tra loro il 26 novembre 1977. 
Essa svolge la sua missione dal letto che diventa una cattedra di vita per tanti: giovani sbandati, famiglie disgregate, bambini, amici. Una persona capace di mettere in moto migliaia di persone come testimonia la fondazione di Società Unita in Toronto e la fondazione di Teopoli. 
Muore il 21 marzo 1992. 
Il suo motto: O Gesù, il soffrire è stata la mia gioia, il dono che mi ha fatto incontrare te, l’amore più grande della mia vita. Tutte le sofferenze che tu mi chiedi io sono pronta a prenderle per tuo amore.

Radio Mater

Fratelli e sorelle, venerdì prossimo dalle 18,30 alle 19,30 ci sarà il nostro incontro a Radio Mater. Continueremo il tema della preghiera. Venerdì prossimo ci sintonizzeremo, in comunione con il clima quaresimale, riflettendo sulla preghiera di Gesù nel Getsemani.

Sr. Daniela Merlo

Visita missionaria in Juruaia

"Non siamo semplici suore... Siamo missionare! " Sr. Agata Lopai

Sr Valdeci e Sr Jaqueline, della Provincia San Gabriele, ci scrivono: "Abbiamo realizzato una visita missionaria in Juruaia, Diocesi di Guaxupé MG. La missione è stata molto bella ed é sempre un'occasione per incontrare le famiglie che vivono tante sfide: malattie, difficoltà con i figli, con il marito, dipendenza da alcol e droghe... Alcune persone cercano una parola che li aiuti a superare le sfide ed a continuare animati e sostenuti dalla fede e dalla fiducia in Dio. Molti con semplicità ci insegnano a vivere con fede e con forza le sfide della vita. Altri sono ancora in attesa di condividere le loro esperienze... Nei volti di questi fratelli e sorelle, incontriamo il volto dolente di Cristo e la sua carne ferita. E come sempre accade in questo casi, quello che riceviamo è molto di più di quello che doniamo.

17 marzo -2019: 204 anni di giovinezza!

17 marzo -2019: 204 anni di giovinezza! Celebriamo con gioia la memoria della fondazione della Congregazione e ricordiamo con gratitudine le prime quattro giovani donne che, rigenerate dalla memoria misericordiosa della Passione di Gesù e del dolore di Maria, diventano Passioniste:
Sr Gertrude
Sr Veronica
Sr M. Cleide
Sr Crocifissa.
Gratitudine immensa alla Fondatrice M. Maddalena Frescobaldi e a Paolo della Croce, il Padre; gioia per le generazioni di Sorelle che hanno costruito questa storia con la loro donazione e fedeltà; stupore per i laici che si sono lasciati appassionare dal carisma ed hanno incontrato una via nuova di vivere la propria vocazione Passionista; speranza per il futuro che intravvediamo luminoso. 
Auguri a tutti noi!

Brasile, Noviziato interprovinciale.

Il 17 marzo 2019, anniversario della Fondazione della Congregazione, inizia un nuovo cammino: il Noviziato interprovinciale, che avrà sede nella Comunità Passionista San Giuseppe – Alexania, appartenente alla Provincia Regina della Pace. Le giovani Willdes Mendes Soares e Camila Couto Santana inzieranno il loro cammino di Noviziato, accompagnate dalla formatrice Sr Miriam Souza de  Veira e dalla comunità. La celebrazione dell’inizio ufficiale del Noviziato sarà nella Cappella della Comunità, alle ore 15.00 del 17 marzo, con la presenza delle Provinciali Sr Noemia Kunsch e Sr Denise Coutinho Gomes. Diamo risalto a questo evento per il significato di comunione che rappresenta come frutto dell’ano celebrativo dei 100 anni di presenza in Brasile.

A Willdes e a Camila gli auguri e la preghiera di tutta la Congregazione!

Atto riparativo

La lotta tra il bene e il male

“Non dobbiamo giudicare, perché non sappiamo a quale esposizione di luce la mela sull’albero matura” G. Vannucci, Nel cuore dell’essere. Mondadori, Milano, 1998, p.30

Signore, ogni giorno nella nostra vita, affrontiamo un combattimento tra il bene e il male. Male e bene sono due componenti della nostra natura, del nostro personale bagaglio: una forza che ascende, l’altra che resiste. È difficile Signore capire dove comincia la luce e dove finisce l’ombra. A volte ciò che sembra negativo è una risorsa, a volte una nostra qualità ci rende così presuntuosi da diventare un difetto. 

In questa settimana vogliamo riparare:

  • tutte le volte che puntiamo il dito sui difetti altrui, senza accorgersi e rispettare lo sforzo di ognuno per vincersi
  • tutte le volte che vogliamo sradicare subito la zizzania a costo di sradicare anche il grano buono, non dando tempo affinché il bene cresca tra noi
  • tutte le volte che abbiamo la pretesa di essere nella verità e la convinzione che l’altro sta nell’errore.

Preghiamo:
Signore, tu mi scruti e mi conosci, penetri da lontano i miei pensieri, sei tu che hai creato le mie viscere e mi hai tessuto nel seno di mia madre, scrutami, Dio, e conosci il mio cuore, provami e conosci i miei pensieri: vedi se percorro una via di menzogna e guidami sulla via della vita. Sl 139

SR MARIA FRANCISCA MARINI

 

Il giorno 7 marzo 2019, la Provincia Cuore Immacolato di Maria, Curitiba (Brasile), annuncia che ha raggiunto la Comunità Passionista del cielo

SR MARIA FRANCISCA MARINI

Sr Maria Francisca è nata il giorno 06 novembre 1926, ha professato il giorno 17 ottobre 1949 e apparteneva alla Comunità Passionista Nossa Senhora das Dores (Guaraituba).

Sottoscrivi questo feed RSS
Congregazione Passioniste Display Social Media Icons beautifully using CSS3
Congregazione Suore Passioniste
di San Paolo della Croce

Curia Generalizia
Via Don Carlo Gnocchi, 75
00166 ROMA

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per saperne di più.

Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.