Suore Passioniste
Menu
Con Maria credo nel Figlio di Dio

Con Maria credo nel Figlio di Dio

Il giorno 6 agosto 2...

Festa di Maria Addolorata

Festa di Maria Addolorata

La festa di Maria Ad...

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

L'albero della Croce...

Scuola Beata Giovanna

Scuola Beata Giovanna

La comunità educativ...

Atto riparativo

Atto riparativo

Amare i nemici Nel ...

Messaggio di solidarietà alle Suore Missionarie Saveriane

Messaggio di solidarietà alle Suore…

Pubblichiamo il mess...

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino, 100 anni...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

A te, piccola e umil...

Formazione delle Superiore a Casa Madre

Formazione delle Superiore a Casa M…

La formazione delle ...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

Maria, Madre di Cris...

Prev Next
A+ A A-

Gesù Crocifisso per me… io passionista per lui.

(1863 – 1946)

Guidò per 50 anni la Congregazione, favorendone lo sviluppo in Italia e aprendosi alla chiamata profetica della fondazione in Brasile. Dalla Croce apprese in modo singolare l’umiltà e la povertà e a queste aggiunse una carità evangelica che versò sulle suore, sulle bambine, sul popolo. Al suo funerale, la bara portata a spalla dagli abitanti di Signa, fece il giro del paese.

Italia Michelagnoli, la futura Sr Angelica, vive la sua intera esistenza a Signa, dove nasce il 30 giugno 1862, prima nella famiglia poi come Suora Passionista. A 17 anni lascia con decisione le agiatezze della famiglia, che la ama teneramente, e si unisce al piccolo gruppo delle Suore Passioniste, che da pochi anni hanno ridato vita a quello che era il ritiro delle Ancille.

Sotto la direzione di Mons. Fiammetti, assimila pian piano il carisma e la spiritualità dell’Istituto, conformando la sua esistenza ad imitazione del Signore Crocifisso e donandosi senza riserve all’opera delle bambine, giovani ragazze e donne che vengono affidate dal Ministero di Grazia e Giustizia perché provenienti da famiglie e situazioni disgreganti.

Nel 1896, alla morte di Sr Pia, viene eletta Superiora Generale: ha solo 33 anni. Il nuovo incarico non la distoglie dal praticare le virtù dell’umiltà e della povertà, anzi, la porta ad intensificarle, dovendo trascinare anche le Sorelle con il suo esempio. Si mette a servizio della comunità, impegnandosi a leggere profeticamente la volontà di Dio, con un orecchio teso al Signore e l’altro alla storia, per cogliervi sempre opportunità nuove di espansione della Congregazione e di servizio ai poveri.

È con questa volontà che apre le porte dell’Istituto al mondo: nel 1919 vede partire le prime Suore per la fondazione brasiliana, seguendola a distanza e affrontando viaggi difficili e pericolosi per quel tempo; nello stesso tempo si adopera per la diffusione della Congregazione in Italia.
Instancabile, si adopera anche per il riconoscimento definitivo da parte della S. Sede: nel 1939 le Costituzioni vengono approvate definitivamente, cosa che dà stabilità e universalità alla Congregazione.
La sua vita continua fino alla fine nella pratica della preghiera, dell’unione con Dio, dell’esercizio dell’umiltà e, soprattutto, nell’educazione delle sue amate bambine: preferiva le più difficili e ribelli, perché in esse vedeva l’immagine di Gesù; raccomandava: “Vi stiano a cuore tutte le bambine, ma in modo particolare le più birichine e le più infelici; vigilatele con amore e assiduità, affinché il demonio non lavori nelle loro anime”.
Consumata dalla carità e dalle fatiche, torna alla Casa del Padre il 26 marzo 1946: la Congregazione conta 26 case in Italia e 8 in Brasile.

(Come hanno testimoniato, pp. 149-173).

Congregazione Passioniste Display Social Media Icons beautifully using CSS3
Congregazione Suore Passioniste
di San Paolo della Croce

Curia Generalizia
Via Don Carlo Gnocchi, 75
00166 ROMA

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per saperne di più.

Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.