Suore Passioniste
Menu
Con Maria credo nel Figlio di Dio

Con Maria credo nel Figlio di Dio

Il giorno 6 agosto 2...

Festa di Maria Addolorata

Festa di Maria Addolorata

La festa di Maria Ad...

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

L'albero della Croce...

Scuola Beata Giovanna

Scuola Beata Giovanna

La comunità educativ...

Atto riparativo

Atto riparativo

Amare i nemici Nel ...

Messaggio di solidarietà alle Suore Missionarie Saveriane

Messaggio di solidarietà alle Suore…

Pubblichiamo il mess...

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino, 100 anni...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

A te, piccola e umil...

Formazione delle Superiore a Casa Madre

Formazione delle Superiore a Casa M…

La formazione delle ...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

Maria, Madre di Cris...

Prev Next
A+ A A-

Articoli filtrati per data: Venerdì, 20 Dicembre 2019

Novena di Natale - 6° giorno

Canto

Meditazione

Il volto di Dio nel mistero di Betlemme

Quale volto di Dio ci svela Gesù attraverso la povertà di Betlemme? Noi sappiamo che il punto più alto di sintesi, nella mirabile sinfonia della rivelazione, ce lo offre l'evangelista Giovanni quando, per due volte, nella sua prima Lettera dice: Dio è amore (l Gv 4,8.l6).
Proviamo a partire da questa vetta e, con nostro grande stupore, ci accorgiamo che la povertà di Betlemme fa parte del mistero di Dio-amore. Ecco alcuni passaggi evangelicamente logici:
Dio è amore infinito: è affermato dalla Scrittura.
Ma l'amore è dono: anche questo è affermato dalla Scrittura.
Allora Dio è dono infinito!
Il mistero di Dio, infatti, è un infinito non-possedersi: il Padre si dona al Figlio e il Figlio si dona al Padre nell' abbraccio eterno dello Spirito, che è la persona-dono. In Dio esiste una sola azione: l'azione del donare!
Ma chi dona, non possiede: proprio perché dona! E chi non possiede, è povero: infatti chi dona tutto, non ha nulla!
Allora Dio, che è dono infinito di sé, anche l'infinitamente poveri.
Il Natale è manifestazione di questo divino mistero, che avrà il suo meriggio sulla croce: nel dono totale di sé, nel dono fino al segno estremo.
Card. Angelo Comastri

Un pensiero sul Natale di...
beato Paolo VI

Natale è vicino, e Natale è pace.
Vuol dire pace con Dio, col quale Cristo ci ha riconciliati, e vuol dire pace interiore, dentro noi stessi, nelle coscienze, nei cuori: l’abbiamo noi questa pace?
Vuol dire pace nelle famiglie. Non è il Natale la festa dell'intimità domestica?
Vuol dire pace sociale. Non slamo tutti fratelli?
Vuol dire ancora: pace fra le nazioni, della quale abbiamo ancora, dopo le ultime guerre, l'alto e ansioso ideale, ma lo andiamo tradendo e perdendo, con nuove interminabili guerre locali, con la gara ad armamenti sempre più costosi e formidabili, con l'insorgenza delle ideologie irriducibilmente avversarie, dei razzismi esclusivisti ed egoisti e con il facile ricorso alla oppressione e alla violenza. 

Preghiamo

Sotto il tuo sguardo

O Dio grande e buono, Dio onnipotente ed eterno, che per noi ti sei fatto Bambino, e ci allieti con l'annuale festività del Natale, purifica la nostra vita mediante í sacramenti, í celesti misteri; edifica in noi il regno del tuo santo amore e della pace tua soavissima; dirigi le nostre volontà al bene e le nostre azioni secondo il tuo beneplacito!
Fa', o Signore, che camminiamo sempre per il retto cammino, sotto il tuo sguardo: sempre ai piedi della tua Chiesa, in umiltà grande, in semplicità ed esultanza.
O Gesù dolce, Gesù amore!
Noi ti vogliamo amare e servire in carità grande e santa letizia, sempre contenti per la beata speranza, amando e vivendo delle cose umili e povere, come, o Gesù, ci hai insegnato con la tua nascita, la tua vita e la tua morte.
Far del bene sempre e del bene a tutti, o Gesù, benedicendo sempre e non maledicendo mai.
Inebriati dalle celesti delizie del tuo santo Natale, null' altro ti domandiamo, o Gesù, che di amarti! Di amarti! Di amarti! E che la pace si diffonda consolatrice su tutta quanta la terra.
San Luigi Orione

Preghiere Finali

Bambino Gesù, Vieni in mio aiuto
(Per chiedere una grazia)     

Bambino Gesù, ricorro a te e ti prego che, per intercessione della tua santa Madre, voglia assistermi in questa mia particolare circostanza (chiedere umilmente la grazia).
È un desiderio sincero e profondo, ma sottomesso in tutto alla santa e vera volontà di Dio.
Spero con fiducia di ottenere questa grazia. Ti amo con tutto il cuore e con tutte le forze dell'anima mia.
Mi pento sinceramente di tutti i miei peccati, e ti supplico, buon Gesù, di darmi la forza per vincere ii male.
Propongo di non offenderti mai più e mi offro disposto a soffrire anziché darti il minimo dispiacere.
'a innanzi voglio servirti con tutta la mia fedeltà e per amor tuo, divino Bambino, amerò i miei fratelli come me stesso.
Pargoletto onnipotente, Signore Gesù, di nuovo ti scongiuro, assistimi in questa circostanza particolare e donami la grazia di possederti eternamente con Maria e Giuseppe, e di adorarti con gli angeli e con i santi nella luce del cielo. Amen.

Padre nostro...Ave Maria...Gloria al Padre...

Cf. Novena al Santo Natale (a cura di Don Giuseppe Brioschi SdB) Ed. Shalom, pp.39-42

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Ultimi video

Congregazione Passioniste Display Social Media Icons beautifully using CSS3
Congregazione Suore Passioniste
di San Paolo della Croce

Curia Generalizia
Via Don Carlo Gnocchi, 75
00166 ROMA

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per saperne di più.

Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.