Suore Passioniste
Menu
Con Maria credo nel Figlio di Dio

Con Maria credo nel Figlio di Dio

Il giorno 6 agosto 2...

Festa di Maria Addolorata

Festa di Maria Addolorata

La festa di Maria Ad...

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

L'albero della Croce...

Scuola Beata Giovanna

Scuola Beata Giovanna

La comunità educativ...

Atto riparativo

Atto riparativo

Amare i nemici Nel ...

Messaggio di solidarietà alle Suore Missionarie Saveriane

Messaggio di solidarietà alle Suore…

Pubblichiamo il mess...

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino @ 100 anni…

Cisternino, 100 anni...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

A te, piccola e umil...

Formazione delle Superiore a Casa Madre

Formazione delle Superiore a Casa M…

La formazione delle ...

Novena di Maria Addolorata

Novena di Maria Addolorata

Maria, Madre di Cris...

Prev Next
A+ A A-
sr.nanette@passioniste.org

sr.nanette@passioniste.org

URL del sito web:

Radio Mater

Fratelli e sorelle carissimi, vi annuncio il nostro appuntamento questa sera, venerdì 14 maggio dalle ore 18,30 alle 19,30. La nostra riflessione, come è stato annunciato in precedenza verterà sulla figura di San Giuseppe di cui stiamo celebrando un anno speciale sotto la guida di Papa Francesco. Il nostro ospite sarà sempre Padre Nadir, giuseppino, il quale ci offrirà delle bellissime intuizioni su questo grande santo che nel Vangelo non lascia traccia di parole ma la cui testimonianza ha la forza di incidere sui nostri cuori e sulle nostre esistenze.

Novena di PENTECOSTE - day 1

1° giorno (14 maggio) L’AMORE
 
Canto
 
«Se parlassi le lingue degli uomini e degli angeli, ma non avessi la carità, sarei come bronzo che rimbomba o come cembalo che strepita. E se avessi il dono della profezia, se conoscessi tutti i misteri e avessi tutta la conoscenza, se possedessi tanta fede da trasportare le montagne, ma non avessi la carità, non sarei nulla. E se anche dessi in cibo tutti i miei beni e consegnassi il mio corpo per averne vanto, ma non avessi la carità, a nulla mi servirebbe» (1 Cor 13, 1-3).
 
Traccia per la meditazione
– Mentre per dono intendiamo un impulso della grazia, che rende capaci di compiere il bene, per frutto dello Spirito intendiamo la capacità reale e concreta di vivere l’uomo nuovo, creato a immagine e somiglianza di Dio (cf Ef 4, 24).
– Ai Galati, Paolo elenca nove frutti che sono espressione dell’unico frutto dello Spirito, della medesima fonte, che è l’Amore di Dio.
– Agápe, tra le espressioni dell’amore, è la più alta, perché è lo stesso amore che è da Dio. Il termine non traduce ciò che appartiene alla sfera sentimentale, pur presente, ma indica quell’amore che è immediatamente servizio dell’altro, senza alcun ripiegamento su di sé.
– Impariamo ad amare attraverso le piccole cose di ogni giorno che siamo chiamati a condividere con chi ci sta accanto e con il “prossimo” che il Signore ci fa incontrare.
 
Impegno concreto:
Volgiamo lo sguardo verso la croce e meditiamo l’Amore di Dio nella nostra vita
 
Preghiera allo Spirito Santo
Vieni, o Spirito Santo!
Vieni, o dolce Ospite dell’anima.
Vieni, a me, che ti chiamo con il più vivo desiderio.
Vieni, con la tua luce di Paradiso.
Vieni, con la pienezza dei tuoi doni.
Vieni, e stabilisci in me la tua dimora per sempre.
(Beata Elena Guerra)
 
O Padre che ci hai amati nel Figlio tuo e che in lui ci hai insegnato a vivere quell’amore che viene da te, continua a effonderlo nel nostro cuore e donaci sempre la forza del tuo Spirito, per riuscire ad amare in te ogni persona e a imitare ogni giorno Gesù, amando gli altri come egli ci ha amati, rivelando, così, il suo vero volto. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli. Amen
 
Video
 
La Vergine dalle mani alzate e Regina del Cenacolo vegli con noi nell’attesa della Pentecoste.
Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna. Amen.

Atto riparativo

ATTO RIPARATIVO 14.05.2021
Vice-Provincia Madonna di Czestochowa
 
... San Giuseppe era un carpentiere che ha lavorato onestamente per garantire il sostentamento della sua famiglia. Da lui Gesù ha imparato il valore, la dignità e la gioia di ciò che significa mangiare il pane frutto del proprio lavoro ... Come potremmo parlare di dignità umana senza impegnarci perché tutti abbiano la possibilità di un degno sostentamento? (Patris corde, 6)
Il lavoro è per l'uomo sia un dono che una chiamata all’impegno di sviluppare ogni talento e capacità ricevuti da Dio e coltivare la gratitudine personale al Creatore. Il lavoro è anche il compimento delle sue parole rivolte ai progenitori: "Sottomettete la terra" ed è anche un costante ritorno al mistero della dignità di ogni essere umano, creato a Sua immagine e somiglianza.
 
VOGLIAMO RIPARARE:
• la nostra mancanza di gratitudine per la possibilità di lavorare;
• la mancanza di diligenza nel lavoro e nei doveri;
• la mancanza del rispetto per i frutti del lavoro degli altri;
• la disonestà e l’ingiustizia dei datori di lavoro nei confronti dei dipendenti.
 
IMPEGNO DI VITA
• Questa settimana ci sforziamo di adempiere fedelmente e generosamente i nostri incarichi e responsabilità. In questo modo, mostriamo la nostra gratitudine a Dio e alle persone ed esprimiamo la nostra responsabilità per la famiglia, la comunità e le persone che avviciniamo.
• Sosteniamo i disoccupati o i bisognosi con un gesto concreto di carità.
 
PREGHIERA:
Ti saluto, San Giuseppe, padre che lavori. Tu che hai insegnato a Gesù la modesta arte del falegname, aiuta tutti coloro che lavorano a scoprire la via della santità nei loro sforzi quotidiani. Guarda tutti i disoccupati e aiutali con la tua intercessione presso il Figlio, affinché trovino un lavoro che assicuri una vita dignitosa per sé ed i loro cari.
San Giuseppe, prega per noi.

Radio Mater

Fratelli e sorelle carissimi, vi annuncio il nostro prossimo appuntamento cha sarà venerdì 14 maggio dalle ore 18,30 alle 19,30. La nostra riflessione, come è stato annunciato in precedenza verterà sulla figura di San Giuseppe di cui stiamo celebrando un anno speciale sotto la guida di Papa Francesco. Il nostro ospite sarà sempre Padre Nadir, giuseppino, il quale ci offrirà delle bellissime intuizioni su questo grande santo che nel Vangelo non lascia traccia di parole ma la cui testimonianza ha la forza di incidere sui nostri cuori e sulle nostre esistenze.

Sottoscrivi questo feed RSS
Congregazione Passioniste Display Social Media Icons beautifully using CSS3
Congregazione Suore Passioniste
di San Paolo della Croce

Curia Generalizia
Via Don Carlo Gnocchi, 75
00166 ROMA

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per saperne di più.

Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.